mediaware

siti e web marketing

Ottimizzazione SEO: 6 must have per un sito "SEO Friendly"

Hai appena rifatto il sito web, ma - per quanto ora sia bello, moderno, veloce, responsivo e funzionale - non ottiene un buon posizionamento sui motori di ricerca.

Perché?

Eppure, sai di aver concentrato molte energie nel produrre contenuti di qualità che, ne sei certo, possono essere tanto utili quanto apprezzati dal pubblico al quale ti rivolgi.

Allora, cosa non funziona?

Ottimizzazione SEO dei fattori on-page

INDICE DEI CONTENUTI

L'importanza dell'ottimizzazione SEO on-page.

I contenuti di un sito web sono un fattore cruciale per il suo posizionamento nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP - Search Engine Results Page). Tanto la qualità dei contenuti è rilevante ai fini SEO, tanto è importante fare un uso corretto di tutti gli elementi che li compongono e li descrivono ovvero tag, meta-tag ed attributi.

Questi ultimi hanno la funzione di rendere un documento ipertestuale comprensibile non solo all'utente, ma anche (e soprattutto) agli spider dei motori di ricerca. In questo senso, la loro ottimizzazione è fondamentale perché consente di dare enfasi alle parole chiave più strategiche e profittevoli.

Se il tuo sito web stenta a svettare su Google, sarà forse perché hai sottovalutato l'importanza di ottimizzare tag, meta-tag ed attributi? Vediamo come puoi ottenere margini di miglioramento per il posizionamento del sito grazie al perfezionamento di questi elementi.

1: tag-title

La sintassi HTML

<head>
<title>Il titolo della mia pagina</title>
</head>

A cosa serve

Specifica il titolo di una pagina web.

Dove si inserisce

Si inserisce all'interno del tag <head> nel sorgente HTML della pagina.

Perché è importante

È l'elemento cardine dell'ottimizzazione SEO on-page perché comunica ad utenti e spider l'argomento della pagina. Quindi:

  • è uno dei principali fattori considerati dai motori di ricerca per determinare l'argomento trattato e la pertinenza con l'intento di ricerca dell'utente;
  • è la riga di testo più evidente agli occhi degli utenti nell'elenco dei risultati di ricerca (anticipa loro di cosa tratta la pagina e quanto il suo contenuto può essere utile).

Come ottimizzarlo

Scrivi un testo (breve, ma descrittivo) coerente con il contenuto della pagina web ed il più accattivante possibile per invogliare l'utente a fare clic.

Non utilizzare più di 55-60 caratteri (ovvero non eccedere i 400 pixel per essere sicuro che in SERP il title non venga troncato) e, comunque, limitati ad una dozzina di parole al massimo.

Posiziona in modo logico (meglio se all'inizio del title) la keyword o le keyword selezionate in base all'argomento trattato nella pagina (evitando di ripeterle ossessivamente per non incorrere in rischi di sovraottimizzazione).

Crea un "title" diverso ed unico per ogni pagina web.

2: meta-tag description

La sintassi HTML

<head>
<meta name="description" content="La description della mia pagina">
</head>

A cosa serve

Fornisce una breve descrizione della pagina web.

Dove si inserisce

Si inserisce all'interno del tag <head> nel sorgente HTML della pagina.

Perché è importante

Anche se, nell'ambito dell'ottimizzazione SEO, la description non è annoverata tra i fattori di ranking considerati da Google per determinare il posizionamento di un sito, come il tag-title comunica l'argomento trattato nella pagina favorendone la comprensione sia ai motori di ricerca che all'utente. Ciononostante, NON è detto che compaia in SERP perché il motore di ricerca può decidere di mostrare parte del contenuto interno alla pagina qualora lo ritenga più significativo.

Come ottimizzarlo

Descrivi in maniera concisa i contenuti che l'utente si aspetta di trovare visitando la pagina, cercando di suscitare il suo interesse: una descrizione che accende la curiosità delle persone può migliorare il CTR (ovvero la percentuale tra impressioni e clic sulla pagina).

Non utilizzare più di 150-160 caratteri e, comunque, limita il numero di parole (non più di 12-18).

Posiziona le parole chiave scelte e le frasi più rilevanti all'interno del testo in maniera naturale, evitando ripetizioni esasperate (anche in questo caso, rischi di sovraottimizzare).

Crea una "description" diversa ed unica per ogni pagina web.

3: heading tag (tag di intestazione)

La sintassi HTML

<h1>Heading 1</h1>
<h2>Heading 2</h2>
<h3>Heading 3</h3>
<h4>Heading 4</h4>
<h5>Heading 5</h5>
<h6>Heading 6</h6>

A cosa servono

Servono ad organizzare i contenuti di una pagina web.

Dove si inseriscono

Si inseriscono all'interno della pagina come titoli e sottotitoli.

Perché sono importanti

Perché aiutano a distribuire gli argomenti all'interno della pagina in modo gerarchico, partendo da quello più importante (H1) fino ad arrivare a quello meno significativo (H6).

Questo aiuta a:

  • agevolare l'esperienza di lettura dell'utente (che può decidere di limitare la sua attenzione al tema principale della pagina o di approfondire gli argomenti più nel dettaglio);
  • favorire l'indicizzazione dei contenuti da parte dello spider del motore di ricerca secondo la priorità che tu hai stabilito;
  • conferire maggiore rilevanza alle parole/frasi che decidi di utilizzare negli stessi tag di intestazione.

Come ottimizzarli

Utilizza un solo H1 per indicare l'argomento più importante della pagina (sarà il titolo della pagina stessa e quello cui verrà assegnata maggior rilevanza dai motori di ricerca), H2 e H3 per i sottotitoli, H4 e H5 per contenere i testi delle pagine, H5 e H6 per informazioni meno rilevanti come note, approfondimenti e copyright.

Posiziona l'H1 in alto a sinistra perché gli spider, come gli esseri umani, leggono in questo senso (e dall'alto verso il basso).

Sii coerente nell'impiego degli altri tag di intestazione (usali in modo decrescente da H1 a H6 senza saltare da un livello all'altro).


La tua strategia SEO sta funzionando?

Verifica se sei partito con il piede giusto!
Scarica il pdf con i "6 MUST HAVE per un sito SEO Friendly"

Scarica ora il file


4: anchor text

La sintassi HTML

<a href="/www.ilmiolink.it">testo da linkare</a>

A cosa serve

Serve a descrivere in maniera testuale un link (o collegamento ipertestuale).

Dove si inserisce

Si inserisce all'interno di una pagina web come "testo cliccabile".

Perché è importante

Perché descrive il contenuto della risorsa web (interna o esterna al tuo sito) sulla quale si approderà facendo clic, fornendo informazioni utili non solo all'utente, ma anche allo spider del motore di ricerca (che utilizza i link per passare da una pagina all'altra proprio come fossero strade).

Come ottimizzarlo

L'ottimizzazione SEO degli anchor-text è importantissima: cerca di inserire al loro interno la keyword scelta per posizionare la pagina di destinazione, ma solo se ciò è fattibile in modo naturale (eventuali forzature sono altamente penalizzanti dal punto di vista dei motori di ricerca).

Usa un testo breve (non più di 60 caratteri) e descrittivo che anticipa il contenuto della pagina web che sarà visitata cliccando sul link (evita testi generici come il classico "clicca qui" o "scopri di più").

Non aver paura di linkare anche risorse esterne (senza esagerare) se attinenti con l'argomento trattato nella tua pagina web perché questo arricchisce l'esperienza dell'utente (a patto che le risorse a cui punti siano pertinenti ed autorevoli).

5: tag di enfatizzazione

La sintassi HTML

<b>testo in grassetto</b> (semplice effetto visivo lato utente)
OPPURE
<strong>testo in grassetto</strong> (non solo effetto visivo, ma conferisce importanza al testo dal punto di vista semantico)
<i>testo corsivo</i> (semplice effetto visivo lato utente)
OPPURE
<em>testo corsivo</em> (non solo effetto visivo, ma conferisce enfasi al testo dal punto di vista semantico)
<u>testo sottolineato</u>

A cosa servono

Servono a dare risalto ad una porzione di testo (con i tag <strong> e <em> NON solo dal punto di vista estetico) rendendola più leggibile e comprensibile sia all'utente finale che agli spider dei motori di ricerca.

Dove si inseriscono

Si inseriscono all'interno del contenuto testuale di una pagina web.

Perché sono importanti

Enfatizzando una porzione di testo, conferiscono a quest'ultimo maggiore importanza. In questo modo sono garantite:

  • una migliore fruibilità di lettura per gli utenti (che possono, ad esempio, focalizzare l’attenzione solo sulle frasi in grassetto o individuare una parola in lingua straniera ovvero un termine tecnico perché scritto in corsivo);
  • una più corretta interpretazione del contenuto della pagina da parte degli spider dei motori di ricerca perché, ricorrendo ai tag <strong> e <em>, puoi far comprendere loro che alcuni termini (o frasi) sono più importanti di altri dal punto di vista concettuale.

Come ottimizzarli

Usa i tag <b> e <i> se vuoi ottenere un effetto meramente estetico.

Preferisci i tag <strong> e <em> (rispettivamente a <b> e <i>) quando vuoi dare enfasi o importanza semantica ad un termine o ad una frase (soprattutto nei tag heading), evitando comunque di abusarne.

Ricorri ai tag <strong> e <em> per evidenziare le parole che hanno più probabilità di finire negli snippet dei risultati che appaiono in SERP.

6: attributo ALT delle immagini

La sintassi HTML

<img src="/lamiaimmagine.jpg" alt="Descrizione della mia immagine">

A cosa serve

Serve a fornire un testo alternativo all'immagine che spiega a parole cosa la stessa rappresenta.

Dove si inserisce

Si inserisce all'interno del tag <img>.

Perché è importante

Nelle attività di ottimizzazione SEO on-page è importante non trascurare l'attributo ALT delle immagini perché le descrive con un contenuto testuale.

Questo apporta un triplice vantaggio:

  • consente all'utente di capire cosa l'immagine rappresenta in caso non venga correttamente visualizzata dal browser (ovvero in caso il sito sia fruito da persoa non vedente);
  • permette allo spider del motore di ricerca di interpretare l'immagine (cosa che, per ora, non è ancora in grado di fare senza testo scritto);
    contribuisce a migliorare l'esperienza d'uso dell'utente sulla pagina web perché dà modo di far apparire, posizionando il cursore sull'immagine, una piccola finestra di aiuto ("tooltip") che spiega il significato dell’immagine stessa.

Come ottimizzarlo

Scrivi un breve testo descrittivo che agevoli la comprensione di ciò che rappresenta l'immagine: se fattibile in modo naturale, inserisci la keyword all'interno del testo.

Per l'ottimizzazione SEO del tuo sito, comincia da qui!

Esistono un'infinità di fattori che influenzano una strategia SEO nel suo complesso, ma quelli elencati in questo articolo sono gli elementi di base per costruire un'efficace attività di ottimizzazione on-page.

Se vuoi saperne di più, ti consiglio di leggere questi due articoli del nostro blog: in uno troverai altri utili consigli SEO per siti web, nell'altro un approfondimento sulle strategie SEO che funzionano di più e quelle da abbandonare perché ormai sono del tutto sorpassate.

VERIFICA SE SUL TUO SITO HAI COMINCIATO CON IL PIEDE GIUSTO!
Scarica gratuitamente la nostra infografica:
6 MUST HAVE per un Sito Seo-Friendly
e comincia il controllo!

Scarica ora il file