mediaware

siti e web marketing

Fare marketing con i contenuti

I contenuti di un sito web sono determinanti per ottenere l'attenzione, il gradimento e la fiducia dei suoi visitatori.

Attraverso la creazione e la distribuzione di contenuti fai marketing perché "delizi" il tuo pubblico e, contemporaneamente, fai crescere la tua attività.

Ma tutto dipende da:

  1. quanto i contenuti sono sostanziosi;
  2. come sono strutturati;
  3. in che modo sono scritti;
  4. in che modo sono ottimizzati;
  5. in che misura sono popolari.

Fare marketing con i contenuti

INDICE DEI CONTENUTI

Come conquistare gli utenti e Google con il content marketing.

I contenuti del tuo sito web non avranno difficoltà ad essere amati dagli utenti e da Google se sono:

  • utili perché rispondono ai bisogni specifici dei visitatori;
  • organizzati in modo da facilitarne la consultazione;
  • scritti in modo da agevolarne la lettura;
  • prodotti con un occhio di riguardo per i motori di ricerca;
  • condivisi sui social e linkati da risorse esterne perché considerati seri ed autorevoli.

Se fai un buon lavoro di produzione, scrittura, organizzazione e distribuzione dei contenuti, gli utenti troveranno con facilità il tuo sito perché Google tenderà a posizionarlo bene nelle sue SERP (le pagine dei risultati di ricerca), sarà per loro un piacere navigare tra le tue pagine web perché troveranno le risposte che cercano e si sentiranno sicuri nell'accordarti la loro fiducia.

La sostanza dei contenuti: cosa vuole il pubblico?

Cosa ti chiedi quando devi fare un regalo ad una persona a cui tieni? Personalmente, io mi concentro su ciò che potrebbe servirle. E più conosco la persona in questione, più è facile per me rispondere alla seguente domanda: di cosa ha bisogno?

Con i contenuti, funziona un po' allo stesso modo. Occorre chiedersi: in che modo ciò che divulgo può essere utile al mio pubblico? Quali informazioni possono soddisfare in modo competente, completo ed originale la sua necessità di sapere?

Se sei in grado di rispondere a queste domande, sai anche cosa scrivere: puoi integrare il tuo sito con un blog aziendale, ottimo strumento sia per divulgare contenuti, sia per moltiplicare le pagine web indicizzate dai motori di ricerca.

Se conosci bene la tua audience, troverai con facilità i topic da trattare: più sarai capace di approfondire gli argomenti che hanno un valore reale per il tuo pubblico, più i contenuti del tuo sito risulteranno virtuosi per i motori di ricerca.

L'organizzazione dei contenuti: come strutturare il sito?

Quando hai ben chiara la sostanza dei contenuti del sito, devi pensare bene a come strutturarli al suo interno. Le informazioni che devi dare sono di tre tipi:

  • quelle di base, che riguardano chi sei, cosa fai, dove ti trovi (se hai un luogo fisico che i tuoi clienti possono visitare) e come è possibile contattarti. In queste pagine è importante che tu trasmetta un messaggio forte circa l'identità ed il carattere della tua azienda;
  • quelle di approfondimento, che spiegano l'unicità delle tue proposte. Queste sono pagine pensate per incrociare le esigenze del pubblico: quindi, a meno che la tua offerta non sia molto specifica, devi scendere nel particolare di ciascun prodotto o servizio (come funziona? cos'ha di diverso rispetto a prodotti/servizi analoghi? come migliora la vita di chi lo usa?) per fornire ad ogni tipo di potenziale cliente lo stesso livello di dettaglio (ricorda che non a tutti interessano le stesse informazioni);
  • quelle correlate a ciò che offri (anche se non direttamente collegate ai tuoi prodotti o servizi), che affrontano argomenti verso cui la platea di potenziali clienti a cui ti rivolgi ha mostrato interesse (hai un'enoteca? racconta al tuo pubblico le origini di quel vino, le storie dei produttori e del territorio sui cui cresce il vitigno).

Due sono le ragioni per cui i contenuti di un sito devono essere ben organizzati:

  1. per facilitare la navigazione da parte degli utenti così che possano trovare velocemente tutte le informazioni di cui hanno bisogno;
  2. per agevolarne la scansione e l'indicizzazione da parte dei crowler dei motori di ricerca.

Organizzare bene i contenuti all'interno del sito significa prima di tutto dividere le informazioni in gruppi omogenei, macro-argomenti (i topic cluster) che dalla home page man mano si snodano in profondità verso pagine secondarie secondo una struttura detta "ad albero". Le pagine principali che trattano ciascun argomento in tutti i suoi aspetti, ma senza entrare troppo nel dettaglio (le pillar page), devono essere collegate a quelle più specifiche (i subtopic) con link interni (e viceversa), utili sia all'utente che ai bot di Google per spostarsi da una pagina all'altra.

La scrittura dei contenuti: come farsi leggere?

Non conta solo quello che pubblichi sul tuo sito web, ma anche come scrivi i contenuti testuali. L'obiettivo è: far sì che vengano letti. Devi riuscire a catturare l'attenzione dell'utente, stimolare la sua curiosità e soddisfare il suo bisogno informativo con testi chiari, semplici da leggere, esaustivi, originali e creativi.

Il copy delle tue pagine web, dei tuoi articoli e dei tuoi blog post non deve generare sforzi cognitivi, ma agevolare lettura e comprensione! Allo scopo, puoi applicare una serie di semplici regole che facilitano la leggibilità del testo: termini semplici, frasi brevi, punteggiatura corretta, elenchi puntati, formattazione curata (per sapere come creare contenuti attraenti, leggi il post di questo blog che parla di copywriting per il web).

È importante anche il modo in cui il testo è presentato: il primo passo per farti notare è scegliere un titolo accattivante che anticipi l'argomento che sarà trattato nella pagina, nell'articolo o nel post del tuo blog e susciti allo stesso tempo curiosità per incentivare il visitatore a proseguire nella lettura. Anche i primi paragrafi che scrivi sono fondamentali: l'introduzione deve mantenere viva l'attenzione faticosamente conquistata, deve presentare il motivo per cui quel testo è stato scritto e, soprattutto, spiegare come quel contenuto aiuterà il lettore a soddisfare la specifica esigenza che lo ha condotto fin lì.

Stai pensando di integrare un blog sul tuo sito aziendale? Leggi anche il post che spiega come aprire un blog di successo.

L'ottimizzazione dei contenuti: come essere primi su Google?

Il solo fatto di popolare il sito web di contenuti originali ed utili al tuo pubblico agisce positivamente sulla tua strategia SEO in termini di autorevolezza del brand (ne aumenta il prestigio), traffico e visibilità. Quando aggiungi un contenuto nuovo, infatti, crei una nuova pagina che Google indicizzerà facendoti guadagnare ulteriori opportunità di essere mostrato nei risultati di ricerca.

Ma puoi fare di più per aumentare le probabilità di scalare le SERP di Google! Puoi ottimizzare i tuoi contenuti per i motori di ricerca curando tutti gli aspetti on-page su cui puoi agire direttamente.

Hai fatto un uso naturale e non forzato delle parole chiave all'interno dei testi? Hai reso "keyword-friendly" anche le url, gli heading tag, il tag-title, il meta-tag description e gli anchor-text (il testo leggibile dei link interni alle pagine del sito)?

Hai inserito un tag-title e un meta-tag description per ogni pagina web di lunghezza corretta? Hai fatto in modo che siano scritti come fossero testi pubblicitari, ricorrendo ad un copy persuasivo ed accattivante in grado di colpire ed accendere la curiosità del lettore?

Hai evitato frasi generiche per i tuoi anchor-text (come "clicca qui") preferendo un testo di senso compiuto che anticipa il contenuto al quale il link rimanda? Hai corredato le immagini dell'attributo alt per spiegare a parole cosa le stesse rappresentano?

La distribuzione dei contenuti: quali canali usare?

Ora che hai creato contenuti interessanti per le cose che dicono, agevolmente fruibili dai lettori per come sono scritti e graditi ai motori di ricerca per come sono ottimizzati SEO, è il momento di scegliere i canali attraverso cui distribuirli.

Il primo step è stato pubblicarli sul sito web, magari integrando un'apposita sezione blog di carattere prettamente informativo. Ma le piattaforme che oggi ne consentono la divulgazione online sono tantissime: a partire dai social media come Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin, Pinterest e YouTube tanto per citare i più conosciuti. Se hai fatto un buon lavoro, già gli utenti ti daranno una grossa mano condividendo ciò che hai scritto perché lo troveranno utile ed interessante.

Compito tuo, però, sarà mantenere viva la tua presenza sui vari canali aggiungendo alla strategia di content marketing l'ultimo tassello mancante: la distribuzione dei contenuti secondo una cadenza temporale programmata sulle piattaforme più idonee (content distribution).

Dovrai strutturare l'intero processo di condivisione, pubblicazione e promozione dei contenuti decidendo come fornirli al pubblico per il loro consumo: dovrai stabilire quali canali (sito web, blog, social media, newsletter e-mail?) e quali formati multimediali (e-book, podcast, video, infografiche, webinar?) sono più adatti alla tipologia di contenuti che vuoi distribuire e di pubblico che vuoi raggiungere. Dovrai infine programmare un calendario editoriale per pianificarne la pubblicazione secondo le tempistiche che hai definito.

Programma la tua strategia di content marketing.

Produrre, organizzare, ottimizzare e distribuire contenuti straordinari è il metodo più efficace per migliorare la visibilità del sito sui motori di ricerca, aumentare la tua brand awareness, fidelizzare i tuoi follower ed incoraggiare i lettori a fare click, agire e diventare tuoi clienti. Quando crei contenuti, fornisci informazioni utili e gratuite al pubblico, attirando potenziali clienti sul tuo sito web e trattenendo i quelli esistenti attraverso un coinvolgimento di qualità.

Quindi, se hai un sito internet che non si posiziona bene su Google, ha un forte tasso di rimbalzo (gli utenti lo abbandonano dopo pochi secondi), non converte (genera traffico, ma non porta contatti, richieste di preventivo e men che meno clienti), non riceve link da risorse esterne e non viene condiviso dagli utenti potrebbe proprio "essere colpa" di contenuti scadenti.

Vuoi migliorare la visibilità della tua attività online, promuovere efficacemente il tuo brand, acquisire pubblico, trattenerlo sulle tue pagine web ed orientarlo verso l'acquisto e la fidelizzazione?

Attivati subito!
Compila il form ed ottieni gratis la tua offerta per programmare una strategia di content marketing efficace!

Preferisci parlare con un esperto?
Contattaci ora per una consulenza gratuita.

Vuoi saperne di più?
Approfondisci i dettagli del nostro servizio di scrittura testi per siti web.