mediaware

siti e web marketing

Il design di un sito e-commerce impatta sulle vendite?

Comprare online è diventata una pratica quotidiana: sempre più persone integrano l'e-commerce nelle loro abitudini di acquisto, preferendo le piattaforme digitali ai negozi fisici.

Secondo Digital Commerce 360, entro il 2022 l'e-commerce rappresenterà il 17% di tutte le vendite al dettaglio a livello mondiale.

Questa tendenza è favorita da due fattori:

  • l'inarrestabile diffusione degli smartphone (Absolunet ha stimato che, nel 2019, il 70% di tutto il traffico e-commerce è passato da mobile);
  • la fusione tra i siti di social media come Facebook e le piattaforme di vendita online come Shopify.

Design sito e-commerce e vendite 

INDICE DEI CONTENUTI

Cos'è un e-commerce.

Il termine "e-commerce" è l'abbreviazione di "commercio elettronico" e si riferisce a qualsiasi transazione commerciale condotta elettronicamente.

Tutti noi identifichiamo l'e-commerce con lo shopping online (cioè con il processo di acquisto e vendita di articoli fisici o elettronici su internet), anche se - a ben vedere - nella definizione di commercio elettronico rientrano altre forme di transazione come, ad esempio, l'online banking.

Se in un negozio digitale la vendita avviene tra attività commerciali parliamo di B2B (Business to Business); se è effettuata direttamente al consumatore, invece, di B2C (Business to Consumer).

Esistono infine piattaforme dove le vendite avvengono tra consumatori e sono dette C2C (Consumer to Consumer): E-bay ed il marketplace di Facebook sono ottimi esempi di questa tipologia di e-commerce anche se sono sempre di più le attività commerciali che le utilizzano per vendere al consumatore finale.

I vantaggi di aprire uno shop online.

È vantaggioso per un'azienda investire risorse per creare un e-commerce?

In rapporto alla tipologia di attività (non tutti i settori sono adatti al commercio elettronico), aprire un negozio digitale può apportare una serie di benefici al tuo business perché ti consente di:

  1. eliminare le spese di gestione di un negozio fisico (affitto, bollette e tasse varie);
  2. abbassare tempistiche e costi delle transazioni commerciali (di solito, quelle elettroniche sono più veloci e convenienti rispetto a quelle tradizionali);
  3. vendere il tuo prodotto a qualsiasi consumatore indipendentemente dalla zona in cui si trova.

Non avendo barriere geografiche, l'e-commerce ti permette di raggiungere un numero maggiore di clienti rispetto a quanti potrebbero venire a trovarti in uno o più negozi fisici e possiede un enorme potenziale: può esercitare una forte influenza sulle decisioni d'acquisto del consumatore finale.

Per i consumatori, l'e-commerce fornisce più opzioni a costi più bassi: navigando in rete, possono confrontare prezzi, caratteristiche dei prodotti, recensioni lasciate da altri acquirenti, concedendosi il lusso di scegliere il brand migliore in rapporto al budget che hanno a disposizione.

Il segreto di un e-commerce che funziona sta proprio nel capire ciò che i consumatori si aspettano e desiderano dalla loro esperienza di acquisto per fornire loro esattamente ciò che vogliono.

Ma come deve essere progettato e sviluppato un sito e-commerce per favorire le conversioni?

Come sviluppare il design di un sito e-commerce per incentivare gli utenti all'acquisto.

Immagina l'atto di acquistare come un percorso che comincia quando una persona manifesta interesse verso un determinato prodotto e finisce quando effettua il pagamento e ne entra in possesso.

Per molte categorie di beni, è probabile che questo viaggio cominci in rete: l'utente effettua le sue ricerche su Google comodamente seduto davanti al pc di casa, consulta i siti web che parlano del prodotto, quelli che lo vendono, confronta prezzi, legge recensioni, bazzica sui social esaminando le opinioni di altri consumatori, pone le sue domande, etc…

Poi si stufa, si alza, si mette a tavola e comincia a discutere della sua intenzione di comprare quel prodotto con i famigliari, valuta le reazioni, sente altri punti di vista. Poi esce, ne parla anche con gli amici e, visto che è fuori casa, prende in mano lo smartphone e mostra loro cosa ha trovato su internet… un viaggio infinito influenzato da innumerevoli variabili.

Hai mai pensato che, nonostante l'imprevedibilità che contraddistingue il percorso del consumatore (buyer's jurney) verso l'acquisto, alcune tappe passano obbligatoriamente dal tuo sito web di e-commerce? Ed è proprio su queste che puoi (e devi) agire.

Dalla pagina iniziale su cui l'utente atterra fino alla conclusione della transazione, ogni passaggio deve essere attentamente progettato con l'obiettivo di bilanciare con successo un'esperienza di acquisto piacevole con un percorso chiaro e mirato verso la conversione.

Ottenere questo risultato non è facile, ma esiste una serie di best-practices che, se correttamente applicate al design di un sito e-commerce, possono fare la differenza tra uno shop online inefficace ed un negozio digitale che genera vendite.

1. Call to Action (CTA) chiare e ben posizionate.

Per convertire in vendite il traffico sul sito web è essenziale ricorrere a pulsanti di invito all'azione che si distinguano dal resto della pagina allo scopo di catturare l'attenzione del visitatore ed incoraggiarlo a fare clic.

CTA ben progettate e correttamente posizionate consentono di trasformare i visitatori in clienti nel minor tempo possibile.

Perché una call to action sia efficace deve:

  • essere ben visibile in virtù del suo design (forme, bordi, colori, effetti grafici, font, etc…) e della sua collocazione nella pagina;
  • avere un significato inequivocabile grazie ad un copy chiaro e persuasivo, capace di spiegare all'utente quale sarà la conseguenza diretta della sua azione (cosa succede se fa clic) e di invogliarlo ad agire. Il testo delle CTA deve allinearsi con l'interesse del visitatore: si trova su una pagina prodotto e vuole acquistare? Un bottone con scritto "Acquista ora" sarà più efficace. Si sta ancora documentando sulle caratteristiche del prodotto? Un pulsante con scritto "Leggi di più" che porta ad una pagina informativa sarà più in linea con le sue aspettative;
  • trovarsi nel posto giusto al momento giusto per consentire al visitatore di passare all'azione in qualsiasi momento ed in qualsiasi parte del sito si trovi.

È altrettanto importante bilanciare alla perfezione quantità e collocazione dei bottoni per evitare da un lato di esagerare (un numero eccessivo di pulsanti ne inficia visibilità ed efficacia), dall'altro di essere troppo parchi (un numero troppo esiguo di pulsanti può costringere l'utente a mettersi in cerca di un punto dove fare click proprio nel momento in cui si è convinto ad agire).


Vuoi aumentare le vendite del tuo shop online?

Scarica la nostra infografica:
8 Consigli pratici per migliorare il design del tuo e-commerce e generare più Conversioni!

Scarica ora il file


2. Accurata descrizione dei prodotti.

Il modo in cui descrivi i tuoi prodotti è un fattore chiave per generare vendite: schede prodotto accurate (ma concise) possono determinare un aumento sostanziale del numero dei clic e degli acquisiti.

Affinché una scheda prodotto catturi l'interesse degli utenti e li induca a comprare deve avere caratteristiche precise.

Prima di tutto NON deve essere noiosa e ridondante: deve parlare del prodotto in termini chiari e comprensibili per l'utente, fornendogli tutte le informazioni che si aspetta di trovare senza essere inutilmente prolissa.

Se le informazioni da dare sono tante, concentrati sulle caratteristiche essenziali del prodotto e nascondi i dettagli. Dai al visitatore la possibilità di approfondire esplodendo il contenuto della scheda con un'azione volontaria (ad esempio ricorrendo ad un pulsante con scritto "Scopri di più").

Quando descrivi il prodotto, immedesimati nella persona che lo vuole acquistare: quali delle sue esigenze andrà a soddisfare? quali dei suoi problemi risolverà? per cosa gli sarà utile?

Rappresentare il prodotto come soluzione ad una specifica necessità o come appagamento di un particolare desiderio alzerà la soglia d'attenzione dell'utente perché avvertirà la sensazione di essere compreso. Questo lo renderà più sicuro nell'effettuare l'acquisto da te.

Concludere la vendita, in fondo, è una questione di fiducia: cerca quindi di personalizzare il messaggio mentre parli del tuo prodotto. Evita frasi cliché come "il nostro è un prodotto di qualità" e "garantiamo risultati eccellenti" perché l'utente pretende che i suoi bisogni ed i suoi desideri siano realmente capiti: non vuole un prodotto, ma una soluzione. Se percepirà che la tua è quella giusta, si fiderà di te!

3. Immagini di ottima qualità, ma leggere.

"Un'immagine vale più di 1000 parole". Quante volte hai sentito questa frase? Sebbene inflazionata, racconta una verità inoppugnabile: l'uomo è per sua natura un "essere visivo" e si fida di più di quello che gli raccontano gli occhi piuttosto che di ciò che gli dice il cervello.

Spesso guardiamo immagini ed elementi grafici prima di leggere le informazioni su un prodotto perché sono quelle che attirano la nostra attenzione. Belle foto che rappresentano al meglio l'oggetto in vendita, quindi, non possono mancare nel design di un sito di e-commerce.

Ma come accade per ogni altro elemento che compone una scheda prodotto, anche le immagini devono possedere requisiti ben precisi:

  • devono essere di ottima qualità (definizione, luminosità, colori);
  • devono mostrare il prodotto da tutte le angolazioni:
  • devono potersi zoomare così che l'utente possa esaminare ogni dettaglio.

La funzione delle immagini è quella di generare fiducia nell'acquirente che, guardandole, può percepire la qualità del prodotto e farsi un'idea di ciò che lo aspetta quando lo riceverà a casa.

Immagini di buona qualità, inoltre, hanno maggiori possibilità di essere condivise sui social media: un'ottima cosa visto che il 74% delle persone si affida proprio ai social per ottenere informazioni prima di prendere una decisione d'acquisto (fonte: studio Social Media Week).

Attenzione però! Per un'ottima esperienza di navigazione (importante per qualsiasi sito web, ma cruciale per un e-commerce), le pagine si devono caricare velocemente: è necessario quindi trovare il giusto equilibrio tra qualità e dimensioni delle immagini per non pregiudicare le tempistiche di caricamento dell'intero sito.

4. Layout pulito e semplice.

Lo scopo di un e-commerce è quello di condurre l'utente nel suo viaggio verso l'acquisto attraverso un percorso coerente, dalla home page alla conclusione della transazione. Anche il layout del sito gioca un ruolo determinante nell'agevolare questo processo di conversione. Un tema grafico semplice, arioso e pulito è la scelta migliore.

Elimina gli elementi di design inutili ed evita l'uso indiscriminato dei colori perché creano distrazione e disturbo: preferisci spazi bianchi ed immagini grandi, soprattutto sulle schede prodotto.

Guida i potenziali clienti verso il carrello, l'acquisto ed il pagamento con pulsanti di invito all'azione che si distinguano dal resto della pagina per colore e dimensioni.

Se le pagine prodotto funzionano anche senza quel particolare oggetto, levalo perché è solo un ostacolo in più verso l'obiettivo finale: la conversione!

Infine, testa sempre il design del tuo sito e-commerce per assicurarti che si visualizzi bene su qualsiasi dispositivo: il percorso d'acquisto deve essere fluido con ogni tipo di device, sia che l'utente navighi con Internet Explorer dal suo vecchio PC desktop di casa, sia che fruisca il sito con l'ultimo modello di iPhone.

5. L'ottimizzazione per il mobile.

Il traffico web da dispositivi mobili è in costante crescita ed il numero di carrelli della spesa abbandonati negli e-commerce è molto più alto da mobile che da desktop: ciò significa che uno shop online non ottimizzato per smartphone oggi non ha alcuna chance di successo!

Non solo le ricerche da dispositivi mobili hanno superato quelle da computer fisso, ma gli utenti sono diventati sempre più esigenti. Vogliono che il sito sia velocissimo (il tasso di abbandono cresce vertiginosamente se le pagine si caricano in più di 3 secondi), che si visualizzi bene anche se lo schermo è piccolo e - se è un e-commerce - che consenta loro di eseguire con facilità queste 3 semplici operazioni: aggiungere l'articolo al carrello, pagare ed uscire.

Eliminare ogni elemento superfluo da un sito e-commerce, soprattutto in versione mobile, è pertanto essenziale perché:

  • le pagine diventano più leggere e fruibili anche da schermi di dimensioni ridotte;
  • diminuiscono i fattori di distrazione che possono intralciare l'utente nel suo percorso verso il checkout.

Considerato poi che il telefono non sempre "prende bene", ottimizzare il sito affinché sia il più veloce possibile (layout leggero, immagini ridimensionate, codice ben scritto) lo rende più adatto alla fruizione da smartphone anche se la connessione è lenta.


Vuoi aumentare le vendite del tuo shop online?

Scarica la nostra infografica:
8 Consigli pratici per migliorare il design del tuo e-commerce e generare più Conversioni!

Scarica ora il file


6. Recensioni sì, sempre!

Le opinioni degli altri acquirenti sulla qualità del prodotto, sul brand che lo vende, sul tasso di gradimento in termini di aspettative soddisfatte e sul servizio post-vendita sono preziosissime perché hanno un enorme peso sul processo decisionale dell'utente interessato all'acquisto.

Sono la voce imparziale di chi ha già vissuto l'esperienza che lui si appresta ad affrontare e l'unico punto di riferimento (oltre a quello che racconti tu) per farsi un'idea di quanto ciò che proponi sia di qualità e coerente con ciò che lui si aspetta.

Anche in questo caso è una questione di fiducia: il potenziale compratore vuole rassicurazioni. Il fatto che sul sito non siano presenti recensioni può indurlo a pensare che nascondi qualcosa.

Bisogna dare ai clienti la possibilità di recensire ogni prodotto e le opinioni vanno sempre pubblicate, meglio se accompagnate da elementi visivi (ad esempio, le classiche stelline) in grado di catturare l'attenzione degli altri utenti e consentire loro di farsi un'idea del contenuto della recensione con un semplice colpo d'occhio e scegliere di approfondire leggendo.

Ottimi esempi che testimoniano quanto le recensioni siano importanti per un e-commerce sono i siti dei colossi della vendita online come Amazon che consentono ai clienti di lasciare feedback immediati sulle pagine relative ai prodotti.

7. La sicurezza dei dati.

Qualsiasi sito web deve garantire la protezione dei dati degli utenti: a maggior ragione un e-commerce, dove i clienti possono lasciare i loro riferimenti bancari.

La sicurezza di un sito web è garantita dall'applicazione del protocollo HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure) che protegge l'integrità e la riservatezza dei dati scambiati tra computer e siti con forme di crittografia avanzate.

Adottare il protocollo HTTPS per proteggere la connessione dei visitatori al tuo e-commerce non è solo buona prassi, ma è anche utile ad evitare che venga abbandonato perché percepito come inaffidabile.

Gli utenti si aspettano che l'utilizzo di qualsiasi sito avvenga in modo sicuro e privato: pertanto, quando il browser li avvisa che potrebbe non essere così, nella maggior parte dei casi cliccano sul tasto indietro e scappano via alla ricerca di una risorsa web più affidabile.

Per fare un esempio. Sei su Chrome, il browser di Google: hai mai cliccato sul simbolino (una lettera "i" cerchiata) che precede l'indirizzo di un sito che non applica il protocollo HTTPS? Google ti informa che: "La connessione a questo sito non è protetta".

Prova a farlo con FireFox (dove il simbolino è un lucchetto con un segnale di pericolo): anche lui ti avvisa che il sito non è sicuro. Stessa storia con Microsoft Edge: il messaggio parte così: "Fare attenzione qui", etc…

Scoraggiante per chi deve lasciare i dati della propria carta di credito, non credi?

8. Pagamenti semplici e veloci.

Durante le transazioni elettroniche, semplificare il più possibile il processo di checkout richiedendo il minimo input di dati da parte dell'utente è la soluzione vincente per ridurre drasticamente il tasso di abbandono del carrello.

Amazon ha addirittura adottato un sistema di pagamento in un solo click e funziona! Ma senza arrivare a tanto, sappi che meno passaggi ci sono e meno dati sono richiesti, più facile sarà ottenere un clic sul fatidico tasto "acquista".

È altresì consigliabile che il tuo sito e-commerce dia agli utenti la possibilità di scegliere tra sistemi di pagamento diversi: è ovvio che non puoi implementare tutte le forme di transazione esistenti (ne esistono più di 200), ma a seconda del tipo di prodotto che vendi, del suo valore economico e del mercato di riferimento puoi selezionare quelle più idonee al target a cui ti rivolgi.

Fai in modo che sia possibile scegliere almeno tra 3 opzioni e che una di queste sia PayPal per agevolare gli utenti che possiedono un account sulla piattaforma, ma anche quelli che preferiscono registrare i loro dati bancari su quest'ultima.

Sicurezza, fiducia e semplicità.

Un sito e-commerce deve essere percepito come affidabile e sicuro; deve indurre gli utenti a fidarsi guidandoli nel loro percorso verso l'acquisto nel modo più semplice e fluido possibile.

Per soddisfare questi requisiti è essenziale:

  • progettarne con cura il design (dal layout alle call to action) senza trascurare l'adattabilità alle dimensioni di ogni tipo di schermo;
  • assicurare la velocità di caricamento delle pagine con qualsiasi tipo di connessione;
  • scegliere immagini di ottima qualità ottimizzandole per renderle il più leggere possibile;
  • descrivere accuratamente ogni prodotto in vendita;
  • mettere in evidenza opinioni e recensioni dei consumatori;
  • garantire la sicurezza dei dati e delle transazioni;
  • semplificare i pagamenti e rendere disponibili più opzioni tra cui scegliere.

AUMENTA LE VENDITE DEL TUO SHOP ONLINE!
Scarica gratuitamente la nostra infografica:
8 Consigli pratici per migliorare il design del tuo e-commerce e generare più Conversioni.

Scarica ora il file